il PREMIO DI PREPARAZIONE ? ce ne parla l’agente Fifa DAVIDE CIANCI.

imagesNon di rado abbiamo sentito parlare di questo Premio di preparazione, nato per incentivare e appunto premiare la formazione di giovani calciatori da parte dei settori giovanili. Questa tematica è disciplinata dalle Norme della FIGC e, alla base della sua esistenza, troviamo un principio solidaristico secondo cui le società maggiori vanno a “rimborsare” quelle minori delle spese effettuate per la crescita del ragazzo, secondo dei parametri stabiliti proprio dalla Federazione stessa.
Non di rado la questione è giunta davanti le aule della giustizia sportiva, a causa di tentativi di eludere il pagamento o di disaccordo nella somma da versare.

L’articolo 96 delle NOIF ( Norme Organizzarive Interne Federali ) è comunque chiaro, le squadre che hanno diritto al premio di preparazione sono quelle che, nel precedente triennio, hanno provveduto alla formazione del giocatore stesso – per almeno una stagione – ricevendo una somma aggiornata al termine di ogni stagione sportiva.
Qualora la società legittimata a richiedere il pagamento non lo riceva, può adire alla Commissione premi preparazione, che chiederà le motivazioni del mancato pagamento alla società inadempiente, la quale, se continuerà a rifiutare il pagamento, potrà essere sanzionata con una penale pari alla metà dell’indennità stessa. Le Sentenze della Commissione sono impugnabili davanti alla Commissione Vertenze Economiche.

Questo premio risulta essere una salvezza per tante piccole società, ma in molti casi le società maggiori riempiono i vivai di giovani tra i 9 e gli 11 anni per sfuggire al pagamento di tale premio.

Non sono pochi i casi in cui per lo strapotere delle società semi o professionistiche (che a volte utilizzano anche
espedienti per aggirare la norma ), o per mancanza di conoscenza da parte di chi sta nelle piccole società
i premi non vengono versati nelle casse delle società dilettantistiche già ampiamente svuotate da crisi e fuga degli sponsor.

Di stampo simile troviamo anche il c.d. Premio di solidarietà e l’Indennizzo di formazione, altre situazioni che concedono alle piccole società delle fonti di denaro utili allo sviluppo di piccoli talenti.

Be Sociable, Share!
Precedente L'Angolana se la Vedra' con la Vincente di Isernia – Olimpia Riccia Successivo Eccellenza Abruzzese: le Classifiche e nn solo